Una gita al supermercato: leggiamo le etichette (parte 2)

Continua la nostra gita al supermercato. La scorsa settimana abbiamo iniziato a leggere le etichette.

Leggere le etichette è molto importante perché ci permette di scegliere meglio cosa comprare e soprattutto di comprare cibi qualitativamente migliori e più salutari. Sulle etichette è riportata la tabella nutrizionale degli alimenti che ci indica le diverse percentuali dei principali nutrienti presenti in un determinato alimento. E’ proprio leggendo questa tabella che possiamo sapere come è fatto alimento che stiamo comprando. Inoltre, sempre in questa tabella, possiamo vedere le calorie sviluppate di 100 g di prodotto, a volte anche del singolo pezzo se l’alimento è diviso in portate monodose.

PERCHE’ E’ IMPORTANTE LEGGERE LA TABELLA NUTRIZIONALE? Perché ci aiuta a creare pasti bilanciati per ciascuno dei componenti: carboidrati, grassi e proteine. Infatti un pasto per essere completo deve contenere tutti i nutrienti ma anche nelle giuste proporzioni. In questo ci aiuta anche l’indicazione del peso netto, ad esempio nei cibi conservati in scatola in cui vi è anche una parte liquida, utile per il confezionamento e la conservazione ma che non è parte dell’alimento, come ad esempio nei legumi in scatola.

Nelle etichette sono anche indicati i TEMPI DI CONSERVAZIONE o LA DATA DI SCADENZA. Fare la spesa in fretta significa anche non avere il tempo di controllare la data di scadenza che invece è una indicazione molto importante.

Avete mai notato che su alcuni prodotti c’è scritto “Da consumarsi preferibilmente entro il”  ed in altri “Da consumarsi entro il”?

SONO 2 INDICAZIONI DIVERSE O HANNO LO STESSO SIGNIFICATO DETTO IN 2 MODI DIVERSI?

In realtà sono due indicazioni diverse. La prima, “Da consumarsi preferibilmente entro il” si trova principalmente sui cibi confezionati che hanno un lunga conservazione e la data indicata è il termine minimo di conservazione, cioè la data entro la quale il prodotto conserva le sue qualità organolettiche e nutrizionali. Oltre la data indicata può essere ancora consumato ma sicuramente l’alimento inizia a perdere le sue proprietà nutrizionali. La seconda, “Da consumarsi entro il” indica invece la data entro la quale il prodotto deve essere necessariamente consumato in quanto, dopo tale giorno vi è la possibilità che il cibo non sia più consumabile. In generale questo vale per i cibi freschi o che si deteriorano facilmente e quindi non solo perdono le proprietà nutrizionali ma a volte diventano proprio immangiabili!

Continuando a leggere l’etichetta possiamo trovare altre informazioni ma le scoprirete la prossima settimana, qui, a Pillole di Pappa.

 

Un ringraziamento per questo articolo alla Dott.ssa Manuela Meloni Biologa Nutrizionista.

Se volete approfondire l’argomento, contattateci al 3472473475.

Articolo precedente
Il dito a martello
Articolo successivo
La cervicalgia
Menu